Pillola: deliri calcistici, turistici, terroristici

I Latini battuti dai Germani. I Vichinghi che smontano gli Angli e che poi vengono squarciati in quattro dai Galli.

La retorica calcistica mi dà il voltastomaco. Specie quando è associata ad un morbo chiamato turismo. Succede allora che intere famiglie tedesche si vestano con i colori della squadra di calcio nazionale e che se ne vadano a spasso, belli bianchi lattiginosi, provvisti di sandali Birkenstok e calzettoni coordinati, proprio come ogni turista tedesco che sia degno di tale definizione appare nell’immaginario comune. Inoltre, dato che le famiglie teutoniche non danno alla luce meno di tre pargoli a testa, ne risulta che tante piccole nazionali di calcetto tedesco arrancano sotto il sole del sud della Francia, uno sforzo ginnico encomiabile, intenti a raggiungere le cime dei colli che danno sul mare, in bicicletta o a piedi come un vero scalatore himalayano.

A ciò si aggiunga l’ansia collettiva da attentato terroristico.

Per consolarmi mi ripeto che finirà in pochi giorni.

L’europeo di calcio, non la piaga del turismo.

Annunci

Un pensiero su “Pillola: deliri calcistici, turistici, terroristici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...