Pillola: candelora, candelora, dall’inverno semo fora… con le crêpes!

Oggi è la candelora, la festa con cui si ricorda la presentazione di Gesù al tempio.

Presentazione di Gesù al Tempio di Hyacinthe Rigaud, 1743, conservato al Louvre

Mio nonno mi raccontava spesso delle processioni dei bambini con le candeline tra le mani, a cui lui prendeva parte durante la sua infanzia, in paese. Questo giorno era usato, nel calendario, per capire se la primavera fosse o meno vicina e se l’inverno fosse sul punto di fare le valigie per andarsene davvero durante il mese di Marzo. Quest’anno c’è solo da chiedersi se l’inverno sia arrivato! La catastrofe climatica è una realtà con cui ci confrontiamo tutti i giorni e io ne soffro molto, personalmente.

Parlando di cose più allegre, forse per distogliere codardamebte la nostra attenzione da questo problema… oggi in Francia le famiglie si riuniranno a tavola per mangiare le crêpes. È una tradizione, infatti, e io sono convinta che le tradizioni, soprattutto quelle culinarie, vadano sempre perpetuate (ma la caccia alla volpe e la corrida andrebbero completamente abolite). Io amo molto le crêpes sarrasin salate col beurre demi-sel (eh no, non sono molto appassionata di Nutella, preferisco la crème de marrons).

Ecco qui una ricetta per fare le crêpes e per festeggiare questo giorno… À la française!

Per 10 crêpes: 330 g di farina di grano saraceno, 10 g di sale grosso, 75 cl d’acqua, 1 uovo. Mescolare la farina e il sale grosso. Con una frusta mescolare la preparazione mentre si aggiunge l’acqua. Aggiungere l’uovo, sempre mescolando bene con la frusta. Lasciare a riposo per un’ora in frigo prima di cuocere la pastella sulla piastra.